Diventa tristissimo (parte prima)

Postato il

ImageLa felicità è un sentimento strafigo. La felicità vera. Non quei surrogati tipo il calore familiare, la fede per la squadra del cuore, la patria o l’amore tra voi e il vostro partner. Per felicità vera intendo quella cantata da Albano (un panino e un bicchiere di vino, NDR), quella delle piccole cose concrete che affollano il nostro quotidiano e lo colorano di realtà. Sboccare dopo una serata con gli amici in cui si è bevuto troppo, accompagnare la vostra compagna ad abortire dopo aver trascurato un roboante amplesso, riempire un sacco di iuta di gattini e sbatterlo violentemente contro una parete ruvida, raccogliere fondi per una manifestazione di protesta, andare a messa e parlar del più e del meno con un pescatore per ore e ore.

Ma il desiderio di felicità non ci deve distrarre dal suo contrario: l’infelicità.

L’infelicità è sottovalutatissima. Come diceva sempre il celebre Pierre Rivière, se non fossi stato così infelice non avrei mai ucciso a colpi di roncola mia mamma, mia sorella e mio fratello. E noi non avremmo potuto leggere le tue meravigliose memorie caro Pierre. Perché il nodo centrale è proprio questo: la felicità non muove nulla mentre l’infelicità fa rivoluzioni.

Ecco un manuale per tutte quelle persone schiave di un ottimismo cieco. Semplici esercizi che, se attuati con criterio, vi garantiranno una dose inesauribile di infelicità.

Esercizio 1: Diventa ipocondriaco.

Sedetevi rilassati sul divano in un contesto di assoluta pace e concentratevi su voi stessi. A occhi chiusi dovete scannerizzare tutto il vostro corpo alla ricerca di qualcosa di sospetto. Un lieve dolorino, una leggera aritmia cardiaca, un rumore più greve durante il vostro respirare. Se non trovate nulla non disperate, continuate a cercare. Provate a respirare concentrandovi molto attentamente sul movimento del vostro torace. Non vi sembra che i vostri polmoni siano pesanti? Come se sporcati dall’aria inquinata che respirate ogni giorno.

Una volta diventati abili ascoltatori del vostro corpo potete eseguire l’esercizio di ascolto anche fuori dalle mura domestiche, per esempio durante una riunione con il vostro capo. Cercate di ascoltarvi nei momenti in cui siete maggiormente sotto pressione e il vostro organismo offre un più vasto campionario di spunti di riflessione.

Se vi applicherete con costanza a questo esercizio di ascolto, in breve tempo tutte quelle avvisaglie, sulle prime appena percettibili, diventeranno assillanti campane di allarme, le quali risuoneranno nell’ormai tardivo tentativo di avvertirvi della vostra malattia.

Esercizio 2: Convinci il tuo partner a farti le corna.

Selezionate una persona (X) appartenente al contesto del vostro partner e di sesso opposto (stesso sesso in caso di orientamento omosessuale).

Andate dal vostro partner e chiedetegli cosa pensa della persona X. Lui risponderà che la vede a volte passare nei corridoi ma non la conosce bene e bla bla bla. Circoscrivete il campo della domanda al mero aspetto fisico, ovvero chiedetegli cosa pensa esteticamente di X. Non ha nessuna importanza la risposta che darà. A voi basta avere la certezza di aver spinto il vostro partner a considerare X da un punto di vista estetico. Successivamente fate notare al vostro partner come tutte le interazioni che ha avuto e continua ad avere con X siano, se guardate da una certa angolazione, ambigue. Continuate a premere su queste questioni assicurandovi che egli abbia X sempre in testa e al contempo facendovi odiare per la vostra gelosia.

Tanto più riuscirete a far sì che l’idea di X lusinghi il vostro partner e il pensiero della vostra gelosia lo infastidisca, tanto maggiori saranno le probabilità che lui si getti tra le braccia di X. Probabilmente X rifiuterà in malo modo le avances, perché non ha mai considerato il vostro partner come una possibile copula né ora né mai. Tuttavia tra voi qualcosa si sarà irrimediabilmente compromesso.

7 pensieri riguardo “Diventa tristissimo (parte prima)

    Allison Burne ha detto:
    marzo 19, 2012 alle 3:44 am

    Maddai!!! Non ci posso credere, cosa si scrive per farsi leggere!! 😀 Comunque complimenti, alla fine ti ho letto anche io. Non sperare nella prossima volta, mi hai ripiombato nella depressione – vado nel frigo a prendere la cioccolata.

    Nishant ha detto:
    marzo 19, 2012 alle 9:31 am

    Per essere triste solitamente non ho bisogno di una guida comunque me la salvo nei bookmarks, sai mai torni utile un giorno

    weddingsitter2012 ha detto:
    marzo 19, 2012 alle 2:35 pm

    Leggermente bilopare, ma, devo dire, piuttosto piacevole e anticonvenzionale! Fra tante banalità …

    giosanda ha detto:
    marzo 27, 2012 alle 6:40 pm

    Vai a leggere “Istruzioni per rendersi infelici” di Watzlavick, ti paicerà 🙂

      oltreuomoblog ha risposto:
      marzo 29, 2012 alle 6:38 am

      Speravo che qualcuno si accorgesse che ho copiato da lì. Non dirlo a nessuno però altrimenti mi accusano di plagio.

        giosanda ha detto:
        marzo 29, 2012 alle 8:56 pm

        ahahhahaha. Buona serata , sei un dritto!

    CHRISTIAN ha detto:
    aprile 3, 2012 alle 8:35 am

    per essere davvero infelici…basta vivere in Italia…………

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...