Musica

PR mona mour

Postato il

Luca Zaia, attuale presidente della regione Veneto, ex PR del Manhattan

Una delle figure umane più interessanti della fauna sociale degli ultimi 10 anni e del panorama dei sabati dei mesi dell’Italia e del mondo è quella del PR. Può l’oltreuomo esimersi dal dire la sua sull’argomento? Si. Ma la dirà comunque, dipendente come è dagli insulti che riceve ad ogni post.

Non a caso ne scriviamo di domenica, giorno della settimana di nanna perpetua per l’oggetto della nostra analisi. Mettetevi le cuffie che si comincia.

  Leggi il seguito di questo post »

MORTE (una caratteristica acquisita)

Postato il Aggiornato il

ImageDalla recente scomparsa di Antonio Tabucchi (quello che sosteneva Pereira) non riesco a togliermi dalla mente il pensiero angosciante della morte. Tutto mi sembra futile come una laurea in una facoltà umanistica e senza possibilità di redenzione come l’Inter. Il precariato dell’esistenza è peggio di un contratto a progetto retribuito in buoni pasto. Leggi il seguito di questo post »

Musica e parole (senza musica)

Postato il Aggiornato il

Sanremo è terminato. Bersani ha vinto il premio dellacritica e tre tizie hanno riempito il podio ufficiale. Viene voglia di musica eparole. Noi dell’oltreuomo la musica (per il momento) non possiamo darvela. Proviamoa darvi almeno le parole.
Ecco di seguito una lista di 15 frasi meravigliose che hannofatto grande la musica italiana.

1) Vasco Rossi, Colpa d’Alfredo:
“È andata a casa con negro la troia!”
2) Francesco Guccini, Cyrano:
“A parlarle non riesco: le parlerò coi versi”
3) Toto Cutugno, Sarà la differenza d’età:
“Vengo subito da te
E ti preparo un caffè un frappè quel che ghè
L’idea ce l’ho
E so che piace anche a te
Yeh yeh yeh
Dai facciamo un bebè
Dai che si fa
Si fa
Non c’è più differenza di età”
4) Lucio Dalla, Disperato Erotico Stomp:
“Sono molto preoccupato, il silenzio mi ingrossava lacappella”
5) Marco Masini, Ti vorrei:
“Ti vorrei, anche se fossi un gay”
6) Anna Tatangelo, Il mio amico:
“Se a chi dice che non sei normale, Tu non piangere suquello che non sei”
7) Fabrizio De André, La città vecchia:
“quella che di giorno chiami con disprezzo specie di troia,
quella che di notte stabilisce il prezzo alla tua gioia”
8) Franco Battiato, La cura: 
“Ti proteggerò […] dai fallimenti che per tua naturanormalmente attirerai”
9) Giorgio Gaber, Quando è moda, è moda:
“Sono diverso perché quando è merda è merda non haimportanza la specificazione”
10) Afterhours, Tutto a domani:
“Musa un po’ puttana madre della mia bambina”
11) Mango, Seme di mandarino:
“È come mettere le dita nel naso
sospeso tra il tuo seno e le funzioni del caso
ho voglia solo di fare”
12) Michele Zarrillo, Come hai potuto:
“orsetti e sonaglini nel tuopasseggino
e noi ci allenavamo al cambio pannolino”
13) PieroPelù, Zombies:
“Prima i bang, poi i boom e adesso i crack
Siamo come zombies”
14) Umberto Tozzi, Ti amo:
“Ricordi chi sono?
Apri la porta a un guerriero di carta igienica
e dammi il tuo vino leggero”

15) Ligabue, Figlio di un cane:
“E fra un po’ si torna in calore e lo sai
che per qualcuno e’ comodo.”